ADDITIVI ALIMENTARI: CONOSCIAMOLI MEGLIO

Additivi alimentari

Sono loro i re degli ingredienti, gli additivi alimentari vengono utilizzati per dolcificare, colorare o conservare. Ma proprio per il loro costante utilizzo, ci si chiede se siano sicuri per la nostra salute.

Con il passaggio da una produzione di tipo artigianale ad una di tipo industriale, è diventato necessario l’utilizzo di sostanze capaci di garantire la qualità di un prodotto nel tempo. Ad esempio grandi distanze, lunghi trasporti e numerosi trattamenti, sono solo alcuni tra i tanti fattori che richiedono l’utilizzo di conservanti.

Ma cosa sono gli additivi e perché vengono utilizzati?

Sono delle sostanze (con o senza potere nutritivo) aggiunte nelle varie fasi di lavorazione degli alimenti, per conservarne più a lungo le caratteristiche organolettiche, migliorare le qualità nutritive o per aumentare la produzione. Infatti esistono varie tipologie di additivi ed ogni categoria ha una funzione specifica. Ad esempio gli emulsionanti stabilizzano un’emulsione impedendo che le varie parti si separino, gli antiossidanti rallentano o impediscono l’ossidazione dell’alimento che causerebbe la sua deperibilità, i conservanti inibiscono lo sviluppo di microrganismi come muffe e batteri, gli edulcoranti invece aggiungono il sapore dolce agli alimenti.

Tutti gli additivi utilizzati devono essere presenti nella lista degli ingredienti e contrassegnati da una E seguita da un numero.

Gli additivi sono sicuri per la nostra salute?

Certo! L’autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha il compito di verificare che questi composti non abbiano alcun effetto avverso sul nostro organismo. Infatti ogni singolo additivo deve essere autorizzato dopo lo svolgimento di numerose prove atte a dimostrare l’assenza di tossicità del composto chimico. Inoltre L’EFSA ha il compito di determinare la DGA, ovvero la dose giornaliera ammissibile di ciascuna sostanza.

In quali prodotti troviamo gli additivi alimentari?

L’utilizzo di additivi viene concesso solo se necessario e la normativa vigente a livello europeo ha definito chiare condizioni in cui gli additivi possono essere presenti negli alimenti. Più un prodotto è trasformato e più aumenta il numero di additivi autorizzati. Ad esempio snack, dessert e salse sono ricchi di additivi mentre prodotti poco trasformati come frutta e verdura, carne, latte e acqua, contengono pochi additivi. Inoltre ci sono alimenti in cui non è consentito l’utilizzo di alcun additivo; tra questi ci sono il miele, pasta e olio di oliva.

Nonostante l’assenza di pericolo per la nostra salute, rimango dell’idea che sarebbe bello ritornare ogni tanto ai vecchi tempi in cui non c’era la preoccupazione di quello che si mangiava perché era tutto o quasi tutto prodotto in casa!

FONTI:

https://www.efsa.europa.eu/it/topics/topic/food-additives

http://www.salute.gov.it/portale/salute/p1_5.jsp?lingua=italiano&id=238&area=Vivi_sicuro

2017-09-13T16:19:15+00:00